La risposta del Ministero del lavoro e delle politiche sociali al quesito posto dall'Associazione Generale delle cooperative italiane, Confcooperative e Legacoop con cui si chiede se le cooperative sociali di tipo b) debbano pagare il contributo dello 0,50% al Fondo di solidarietà residuale per i soggetti svantaggiati assunti, è negativa.

Pertanto anche se nulla deve essere pagato per questi soggetti, essi potranno comunque beneficiare delle prestazioni previste dal Fondo.